Ultime notizie Volontariato

Il Servizio Civile tra aspettativa e realtà

Written by patrizia

Quando decidi di partecipare alle selezioni del Servizio Civile sei consapevole di fare un po’ un salto nel vuoto. Sulla carta i progetti sono chiari e definiti, ma quante volte ti è capitato che la realtà fosse esattamente come te l’aspettavi? Praticamente mai, fortunatamente.
L’esperienza in loco, nella scuola salesiana Don Bosco di Cacuaco, provincia della capitale Luanda, si è rivelata fin ora appagante e frustrante allo stesso tempo. Appena arrivata pensavo che sarei stata inserita in progetti già attivati, a sostegno del personale in loco. Spesso invece le attività dovevano essere gestite da noi in primis (come ad esempio a Cristo Rei o a Seteka). 

Inizialmente è stato uno shock ma non si ha molto il tempo per stupirsi, bisogna iniziare e darsi da fare. Tutte le attività che sto svolgendo rispecchiano le emozioni che sospettavo avrei provato: lo stupore per il nuovo, la difficoltà a volte di farsi capire e capire, la frustrazione di non riuscire, il timore di non avere nulla da dare di utile, la soddisfazione nel vedere i miglioramenti miei e dei bambini con cui lavoro, la gioia nel capire che sei accettata senza tutti quei giudizi, spesso molto severi, che solo tu dai a te stesso. 
Stare qui mi sta aiutando a crescere molto e mi ha aiutato a scoprire risorse in me che non mi immaginavo. A prescindere dalle attività che si fanno, umanamente questo percorso è molto utile. Mi sento inoltre arricchita culturalmente e penso che tutto quello che sto capendo su questa realtà sociale è sicuramente un bagaglio prezioso di informazioni che mi torneranno utili per un qualsiasi lavoro nel mondo del sociale che vorrò intraprendere.

Luanda, 13 agosto 2019

Giulia Natali

About the author

patrizia